GLI ADOLESCENTI E LO SPORT

Un fenomeno preoccupante è il dilagare del Doping anche tra gli adolescenti che praticano attività sportive agonistiche e che assumono con regolarità sostanze dopanti.

Sono state fatte alcune indagini in ambito sportivo, anche somministrando dei questionari anonimi, per meglio conoscere lo stile di vita degli adolescenti, le modalità di acquisto e assunzione di sostanze e, soprattutto, da chi era venuto il suggerimento al loro utilizzo.

La brutta notizia è che i primi a consigliare l’uso di integratori o di veri e propri farmaci, sono proprio i genitori.

Gli acquisti delle sostanze dopanti avvengono, nella maggior parte dei casi, tramite Internet.

Circa l’11% dei maschi fa uso di farmaci, il 25% fa uso di integratori, mentre, per le femmine rispettivamente il 9% e il 23%.

Alcuni studi condotti su adolescenti che praticano sport agonistici, in particolare nelle discipline dell’Atletica Leggera, hanno messo in luce il consumo di aminoacidi e creatinina, circa 9 gr al giorno, per migliorare le prestazioni agonistiche.

Gli studi hanno, inoltre, seguito gli atleti nelle gare, per monitorare i risultati conseguiti e i miglioramenti dei tempi rispetto ai coetanei che seguivano, soltanto, un corretto stile di vita ed un regime alimentare corretto.

I miglioramenti riscontrati erano minimi sulle gare di breve durata, mentre, nelle gare lunghe, i progressi erano simili ai coetanei che non facevano uso di alcuna sostanza.

L’alimentazione sana ed adeguata, accompagnata ad un corretto stile di vita, è alla base della nostra salute, questo vale anche per gli adolescenti che praticano attività sportiva a livello agonistico.

Lo sport è un momento ludico, di aggregazione, socializzazione, sana competizione e disciplina.

Le sostanze dopanti creano, non solo degli squilibri importanti nella crescita, visto che parliamo di adolescenti, ma possono creare anche delle dipendenze.

Un particolare messaggio è rivolto ai genitori che dovrebbero, sempre, volere il bene dei propri figli riconoscendone le debolezze, le difficoltà e i limiti ed amarli per quello che sono, non devono cercare di realizzare i propri sogni attraverso i figli credendoli dei campioni fuori classe.

Tale comportamento, spesso, è causa di molti danni, non solo fisici, ma anche psicologici, gli adolescenti, sotto questo profilo, sono fragili e ancora privi di difese personali, si stanno formando e chi meglio del proprio genitore può essere l’esempio da seguire?

Share your thoughts