I PROBIOTICI E IL BUON SONNO

Negli ultimi dieci anni una maggiore consapevolezza sul piano scientifico ha messo in luce che determinati tipi di alimentazione e cura del Microbiota hanno risvolti di rilievo su molti fenomeni mentali e comportamenti fisiologici.

Negli anni 2000, infatti, è emerso che il Microbiota intestinale esercita una influenza anche sulla salute psicologica.

Intestino e cervello comunicano più di quanto si possa immaginare. Il Microbiota attiva aree viscerali sensoriali e regioni cerebrali collegate all’ansia e all’umore, come l’amigdala.

Altra via di comunicazione è attraverso il sistema immunitario, sembra, anche, che il Microbiota sia in grado di modulare lo stress attraverso i livelli di cortisolo circolante.

Da un recente studio americano della School of Medicine dell’Università di California e del Mead Johnson Nutrition di Evansville si è scoperto che un fermento lattico fisiologico il Lactobacillus Rhamnosus HN001 può essere utile per avere un buon sonno.

PROBIOTICI e MICROBIOMA intestinale, i batteri che vivono in simbiosi con il nostro organismo, oltre al sonno possono influenzare i comportamenti e l’umore, alcuni studiosi li chiamano, a ragione, Psicobiotici.

Il Lactobacillus Rhamnosus è in grado di riequilibrare il Microbioma intestinale attraverso la produzione di alcuni acidi grassi, come l’acido butirrico, che, a loro volta, controllano i geni che regolano i ritmi del sonno.

L’influenza di Microbioma e PROBIOTICI sullo stress e i disturbi del sonno sono temi di grande interesse scientifico e di estrema attualità.

Share your thoughts