MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI E MICROBIOTA

Nelle persone che soffrono di malattie infiammatorie intestinali, una dieta che riequilibri il Microbiota, può ridurre i sintomi e migliorare la condizione dell’intestino.

Lo squilibrio dei batteri a livello intestinale, induce e favorisce l’infiammazione cronica.

Uno studio condotto dalla University of Massachusetts Medical School, ha progettato una dieta anti-infiammatoria in grado di favorire la produzione di batteri che producono acidi grassi a catena corta.

Una dieta che contiene. Probiotici, che produce batteri commensali, viene effettuata con alimenti Prebiotici che ne favoriscono la crescita e li nutrono e che elimina gli alimenti sfavorevoli.

Ai pazienti seguiti, veniva chiesto di raccogliere campioni di feci ogni due settimane, riferire cosa mangiavano tre volte a settimana e, tramite i questionari, segnalare i cambiamenti di sintomi, utilizzo di farmaci e qualità della vita.

Le persone che hanno seguito rigorosamente le indicazioni e la dieta hanno ottenuto una significativa riduzione della gravità della malattia.

Dai campioni fecali è poi emerso il miglioramento del Microbiota e una riduzione della malattia.

Questo studio ha messo in luce la possibilità di creare diete su misura per ogni patologia, personalizzate e, inoltre, un modo più semplice per eseguire le analisi metaboliche dalle urine e dal respiro.

Share your thoughts