VIVERE SENZA SENTIRE GLI ODORI

Gli odori sono una parte della nostra vita.

L’infanzia, spesso è ricordata attraverso gli odori della casa, del cibo, dei giochi e delle persone care.

Ci guidano nella scelta degli amici, degli amori, delle simpatie. Mi piaci a pelle è un’espressione molto calzante per spiegarne l’importanza e il significato che ci riporta indietro nel tempo a quando eravamo meno civilizzati e più primitivi.

Una rosa, un campo, un bosco perderebbero parte del nostro interesse se non li percepissimo anche attraverso l’olfatto, così anche il mare, il vento, la pioggia, tutta la natura.

Le esperienze sensoriali ci arricchiscono e affinano le nostre conoscenze.

La scelta di un profumo, ad esempio, una pietanza cucinata con quel particolare ingrediente che le fa acquistare quell’odore unico, un dolce come quello della nonna, il vecchio profumo dei libri che ci guida anche nella scelta di quale leggere.

Agli odori come si vede associamo molti aspetti della quotidianità senza rendercene conto.

Le esperienze, sia belle che brutte hanno un odore come i ricordi e la paura.

Immaginiamo per un istante di non poter più percepire gli odori.

E’ ciò che accade agli ammalati di COVID-19.

Uno studio dell’Università di Padova in collaborazione con un’università britannica ha rilevato che uno dei primi sintomi della malattia è l’incapacità di percepire gli odori.

E’ un aspetto singolare, quasi curioso, che denota quanto questa patologia sia subdola e dai mille aspetti.

Share your thoughts